AF_CMYK_NEG_Tavola disegno 1.png

I mediatori gastronomici

FrancescaMediatrice.JPG

Francesca

Mi presento:

Ciao! Mi chiamo Francesca Vitagliano, sono nata nel'97 in Perù a Lima ma vivo in Italia dal 2003 perché mio padre che è italiano. Tra le tante cose ho fatto l'alberghiero alle superiori quindi mi sono inserita nel mondo della ristorazione per tanti anni. Le mie passioni sono tante, tra cui la cucina peruviana. Mio padre è stato cuoco per molto anni, ma questo non ha impedito di avere ogni tanto anche piatti peruviani a tavola. Ho convissuto con entrambe le culture, e ne vado fiera. Grazie anche all'ambito lavorativo ho lavorato molto a contatto con il cibo e le persone. 

Ho deciso di partecipare a questo progetto Aurora Food, perché quando mi si è presentata l'occasione ho trovato interessante il poter far notare bellezza e varietà di cultura all'interno di un quartiere in cui ho vissuto, e che ha bisogno di nuovi riflettori.

Sulla mia tavola non può mancare:

Il riso, anche se arrivato nella cultura peruviana solo dopo le invasioni, è diventato parte importante di ogni piatto. E oltre al riso insalate di ogni tipo, mia nonna (peruviana) deve accompagnare qualsiasi piatto con un po di insalata, quindi non manca mai la freschezza :)

IMG-20211104-WA0003.jpg

Maali

Mi presento:

Mi chiamo Maali Atila Sarih, classe ’94 e sono di origini marocchine. Sono ingegnere in ambito energetico. Lavoro come educatrice socio-pedagogica e sono membro dell’associazione AMECE.

Sono Vicepresidente del Coordinamento Nazionale Nuove Generazioni Italiane, con il quale mi batto perché la politica riconosca e valorizzi la pluralità italiana che oggigiorno si staglia sui volti di giovani dalle differenti origini, ma che condividono un attaccamento all’Italia in quanto paese natale o di crescita.

 

Aurora Food da la possibilità ai giovani di raccontare la loro identità attraverso il cibo. 

Sulla mia tavola non può mancare:

Le olive spaccate, ovvero tagliate o leggermente ammaccate prima dell’indurimento in modo da assorbire più rapidamente le spezie. Mi piace anche creare piatti dove la tradizione marocchina si fonde con quella italiana.

Schermata 2021-11-09 alle 10.36.07.png

Camila

Mi presento:

Ciao! Mi chiamo Camila e sono una ragazza di 25 anni nata e cresciuta a Torino, ma italiana solo per metà. L'altra metà è invece spagnola e le due parti convivono da sempre tenendosi compagnia, arricchendosi a vicenda e creando spesso divertenti miscugli e contaminazioni nella mia testa... Frequento il corso di laurea in Comunicazione interculturale e tra una lezione e l'altra lavoro come babysitter e come educatrice presso un'associazione che si occupa di giovani stranieri. 

Rappresento la vasta area geografica del Sud America di cui mi piacerebbe trasmettere la sua calda accoglienza ed energica vitalità, rispecchiate nei suoi tanti ingredienti, piatti e non solo.

Ho deciso di partecipare ad Aurora Food perché mai come oggi penso sia importante risaltare la bellezza dell'essere diversi senza che questo sia motivo di esclusione o isolamento, ma piuttosto un incentivo per conoscersi e arricchirsi l'un l'altro. E se questo lo si può fare mangiando, pancia mia fatti capanna!

Sulla mia tavola non può mancare:

D'estate a casa mia non può mancare la tortilla de patata, piatto spagnolo che, assieme ad un fresco gazpacho, mi accompagna a cena e perché no, se avanza, anche il giorno dopo come panino. Mentre invece d'inverno la cara e vecchia torta piemontese alle nocciole è d'obbligo a merenda o a colazione. Ma soprattutto, che faccia caldo o freddo, che sia in italiano o in spagnolo, le chiacchiere sono da sempre per me il condimento preferito per qualsiasi piatto.

1656338750128.jpg

Walid

Mi presento: 

Mi chiamo Walid, ho 29 anni e rappresento l’aerea nord-africana. Sono nato a Torino da famiglia marocchina e da sempre convivo in maniera armoniosa con la mia identità multiculturale. Sono diplomato in Agraria e laureando in Tecnologie Alimentari presso l’Università degli studi di Torino. Lavoro per la Confederazione islamica italiana e mi adopero per contribuire al miglioramento della situazione della comunità islamica italiana che ha bisogno di molto lavoro e tanti sforzi. Inoltre sono co-fondatore e CEO di BeHalal Srl che si occupa di emettere certificazioni di qualità.

Ho deciso di partecipare ad Aurora Food perché il progetto unisce due mie grandi passioni: Torino e il cibo! È bello poter raccontare la mia città attraverso un percorso gastronomico che evidenzia le peculiarità di Torino e le sue mille identità culturali. 

Sulla mia tavola non può mancare:

L’olio extra vergine d’oliva di cui apprezzo il gusto ma anche le diverse tradizioni mediterranee della suo processo di produzione.

Adama.jpg

Adama

Mi presento:

Sono Adama una giovane ragazza Italo-senegalese. Sono nata e cresciuta a Torino, ma l’area che rappresento è l’Africa occidentale. Sto attualmente lavorando come consulente orientativa in una cooperativa e studiando Scienze internazionali, dello sviluppo e cooperazione.

 

Partecipare ad Aurora food vuol dire avere l’occasione di far scoprire un lato “unico” della cucina e non solo.

Sulla mia tavola non può mancare:

Il Nokoss è una miscela di verdure e spezie che viene usato durante la preparazione di vari piatti (sia primi che secondi). Può essere usato come condimento oppure come ripieno: è in grado di donare un sapore “unico “ al piatto.

IMG-20211119-WA0034.jpg

Amer

Mi presento:

Sono nato in Iraq e cresciuto in diversi paesi del Nord Africa, per poi trasferirmi per gli studi in Italia. Ho un dottorato in Scienze e Tecnologie e una magistrale in Ingegneria, però non mi fermo qui: viviamo una vita sola ed è giusto viverla a 360°, perciò cerco di riempire il mio tempo libero di attività di inclusione e promozione sociale, attraverso lo sport e la politica, cercando di dare una mano a far crescere la mia città di adozione, cioè Torino e la sua Comunità con la C maiuscola. Credo fermamente in questi obiettivi, perché è il momento giusto di cambiare marcia e far sentire tutte e tutti incluse e inclusi nella stessa comunità.

 

Credo che il cibo, oltre al valore energetico, possa essere vissuto come un tappeto volante che può portarci in un viaggio attraverso i sapori, un’esperienza unica e favolosa per conoscere la tradizione culinaria di altre popolazioni. È una sorpresa costante e spunto di riflessione riconoscerne le somiglianze e scoprire le storie dietro ogni piatto.

Sulla mia tavola non può mancare:

il pane iracheno (Khubs) che tra l’altro è una via di mezzo tra la Pita e il pane Carasau.

nuha.jpeg

Nuha

Mi presento:

L’area che rappresento è il Medio Oriente. Sono di origine Siriana, un paese che ho lasciato 4 anni fa. In Italia ho ottenuto un Master nell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Adesso sono una cuoca, food educator e mediatrice gastronoma per Aurora Food.

 

Ho deciso di partecipare a questo progetto perché credo che Aurora Food sia un spazio piacevole per scambiare le nostre conoscenze, una parte della nostra identità e la nostra cultura! 

Sulla mia tavola non può mancare:

Sulla mia tavola non può mancare l'olio extravergine di oliva, questo elemento che troviamo in tutti paesi mediterranei. con un filo d'olio si riesce a raccontare molto sulla storia del Medio Oriente.

Senza titolo.png

Ikram

Mi presento:

Mi chiamo Ikram, nata in Italia, di origine Somala

Dopo gli studi mi sono affacciata al mondo del lavoro in campo sociale. Oggi lavoro come mediatrice interculturale e collaboro con diverse realtà associative presenti nel territorio di Torino e prima cintura.              

 

Ho visitato il mio paese d’origine solo una volta, e in futuro mi piacerebbe ritornarci. Nel corso degli anni mi sono interessata sempre più alla cultura e alla tradizione della madrepatria dei miei genitori, ma soprattutto al cibo. Mi piacerebbe condividere e far conoscere tutto ciò che ho appreso, per trasmettere il senso di stupore e meraviglia che io stessa ho provato nell’apprendere una realtà nuova e completamente diversa da quella che conoscevo. Ecco perché ho deciso di partecipare ad AuroraFood.

Sulla mia tavola non può mancare:

Sulla mia tavola non può mancare il limone! 

Mia madre mi ha raccontato che quando era giovane non riusciva a mangiare senza il limone, quando mancava in casa la nonna andava a cercarlo ovunque!

Ho preso da lei!

Schermata 2021-11-05 alle 13.16.02.png

Wei

Mi presento:

Mi chiamo Wei, sono cinese e sono in Italia da 5 anni. Dopo aver frequentato l’istituto Beccari e un corso di mediatore interculturale, ho iniziato a fare la mediazione interculturale. Lavoro in diversi ambiti: sanitario, scolastico e sociale. Inoltre, faccio anche l'insegnante di lingua cinese ai bambini cinesi nati in Italia e anche agli italiani. Sono sempre appassionata al cibo. Mi piace mangiare, motivo per cui sono andata a studiare la cucina al Beccari. 

L’area che rappresento è la Cina. Vorrei farvi conoscere un po' di più la cultura cinese, soprattutto quella gastronomica. Per questo ho deciso di partecipare ad Aurora Food. 

Sulla mia tavola non può mancare:

Sulla mia tavola non può mancare il pepe di Sichuan. È un ingrediente fondamentale per la cucina della provincia di Sichuan dove sono cresciuta. Ha un profumo leggermente agrumato. Insieme al peperoncino della zona, costruiscono un sapore speciale e meraviglioso per la cucina di Sichuan. È anche il profumo del mercato vicino a casa nella mia memoria.